fbpx

Le 10 regole per preparare la valigia perfetta

1. SCEGLI LA VALIGIA ADATTA AL TUO VIAGGIO

  • Se ami l’avventura: scegli uno zaino. Verificane la capienza e prendine uno con cinghie solide di cui una da allacciare intorno alla vita per evitare noiosi mal di schiena. Provalo in negozio prima di acquistarlo per vedere se riuscirai a portarlo!
  • Per un viaggio in auto o in treno: scegli un borsone capiente, resistente e morbido in cui infilare tante cose, ma con il vantaggio di poter essere sistemato con facilità su una cappelliera o nel vano bagagliaio di un treno. Ci sarà sempre dello spazio, seppur ridotto, per infilarci la cosina all’ultimo minuto!
  • Se prendi l’aereo: scegli una valigia rigida (resistente agli urti), ma verifica che sia leggera per poterla riempire al massimo senza superare il peso limite consentito. Rigorosamente con le rotelle perché più maneggevole e meno difficile da trasportare. Sceglila di un colore vivace o che abbia un segno di riconoscimento (un nastro colorato, un grosso adesivo) per riconoscerla al primo colpo quando gira sul carosello dell’aeroporto senza confonderla con le altre. Le valigie più comode, soprattutto se si viaggia in aereo, sono sicuramente i trolley che, grazie alle ruote sono facilmente trasportabili senza troppa fatica. Quelli piccoli vanno bene per un breve viaggio, un week end ad esempio, o comunque non più di 4-5 giorni e hanno la caratteristica di risultare come bagaglio a mano. I trolley medi sono adatti per vacanze di una settimana/10 giorni, mentre i grandi per viaggi più lunghi.

2. FAI UNA TO DO LIST  

Non sottovalutare il potere delle list, può esserti utile anche per riuscire a tenere sott’occhio la quantità di cose da mettere in valigia e ad accorgerti all’istante se hai dimenticato qualcosa di fondamentale.

3. POSIZIONA TUTTA SUL LETTO

Disponi tutto quello che vorresti portare via sul letto e a questo punto cominciare l’opera di scrematura.

4. PIANIFICA I TUOI OUTFIT 

Crea fin da subito delle combinazioni di massima, degli abbinamenti sommari per ogni situazione: spiaggia, sera, escursione ecc. Per esempio se decidi di portare una gonna nera prevedi un paio di abbinamenti per le uscite serali, uno più leggero e uno più pesante. Per quella stessa gonna pensa poi a come potresti sfruttarla di giorno, magari con un top colorato o una canottiera aderente. Cerca di usare gli stessi capi per più combinazioni.

5. LE SCARPE PRIMA DI TUTTO

Qualunque sia la valigia a disposizione, sul fondo posiziona le scarpe: incastrale come nelle scatole delle scarpe, avvolgile in un sacchetto e disponile ai lati.

6. COME FARE SENZA STROPICCIARE I VESTITI 

Per proteggere i vestiti copri il fondo della valigia con il telo da spiaggia. Sul fondo del borsone o della valigia metti le cose più pesanti, ingombranti e rigide. Seguono i jeans, la giacca a vento, le gonne, i vestitini e i pantaloni arrotolati: in questo modo si evitano le pieghe! Quindi le maglie, i top e le camicie (abbottonate per mantenere la forma). I singoli capi vanno piegati mettendo un foglio di carta velina tra uno strato e l’altro per evitare che si stropiccino. Riponi la biancheria intima e i costumi da bagno in un sacchetto morbido che infilerai in un angolo del bagaglio. Fai lo stesso con gli accessori.

7. IL BEAUTY CASE
In teoria il beauty case si dovrebbe mettere in cima, insieme a biancheria e costumi da bagno.

8. I PESI

Gli oggetti pesanti vanno sul lato opposto a quello della maniglia della valigia, perché così eviterai che il vestiario venga stropicciato troppo all’interno del bagaglio.

9. RIEMPIRE I BUCHI

Una regola molto utile è quella di riempire tutti i buchi che si formano tra i vari indumenti, questo per sfruttare al meglio lo spazio disponibile e, soprattutto, per bloccarebene i vestiti limitando al minimo i movimenti all’interno della valigia.
Per riempire i buchi sono perfette, ad esempio, le calze, i costumi e l’intimo, sia perché non si stropicciano sia perché hanno le giuste dimensioni per fungere da tappo tra gli altri indumenti.

10. SISTEMAZIONE DEI CAPI

  • Sopra a maglie e maglioni andranno disposte le t-shirt e le camicie. Queste ultime si stropicceranno comunque almeno un po’; se state partendo per le ferie potreste decidere di sostituirle con qualcosa di più pratico, se invece non potete proprio rinunciarvi è bene sfruttare gli scomparti a retina, di cui sono provviste la maggior parte delle valigie rigide, per inserirvi proprio le camicie ben piegate e appiattite.
  • Le t-shirt possono essere piagate normalmente oppure arrotolate; la tecnica da adottare dipende dal tipo di materiale di cui sono fatte, se di cotone spesso si possono arrotolare senza correre rischi altrimenti è meglio evitare.
  • L’ultimo strato è riservato ai vestiti più delicati e leggeri, perché facilmente spiegazzabili: abiti, canotte in seta o cotone ultra leggero e così via.
  • Infine stendente sopra ai capi di abbigliamento più delicati, un foulard in cotone o un asciugamano leggero, e rimboccarlo bene ai lati della valigia. Così facendo si riuscirà a tenere fermo il tutto e a preservare l’ultimo livello di vestiti dalle cerniere e dai ganci della valigia che, una volta chiusi, stringendo andrebbero a stropicciare gli indumenti.
Redazione Montenapoleoneweb

Montenapoleone Web è un progetto editoriale digitale che ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento autorevole nel campo del fashion, del design e del life-style. E’ la voce ufficiale di quello che accade nel quadrilatero della moda più famoso al mondo e in generale in tutta Milano. Infine è anche un luogo di interazione per chi è appassionato dei nuovi trend e vuole confrontarsi con i protagonisti di questo settore.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.